sabato , dicembre 10 2016
Breaking News
Home / FishCoral / Illuminazione led negli acquari marini

Illuminazione led negli acquari marini

Le mie considerazioni sull’ illuminazione led negli acquari marini

Illuminazione led – Vi starete chiedendo perchè l’ennesimo articolo sui led:  semplice, perchè penso che sia il caso di approfondire tutta una seria di argomenti quali tipologia di led, par, lux, lunghezze d’onda e molto altro.

Il problema è che non ho le competenze tecniche, per parlarvi di led, di par, di lux e tanto meno di lunghezze d’onda. In tutta sincerità non so nemmeno quale differenza ci sia di preciso tra par e lux. Tuttavia, considerato che dal 2009 (sono stato uno dei primi) monto sulle mie vasche plafoniere a led, dovrei in questo arco di tempo, aver fatto un pò di esperienze (anche positive): ho pensato quindi di trasmettervele. In particolare vorrei provare a sfatare qualche falso mito che gira intorno a questa tecnologia.

illuminazione led
Vasca con illuminazione led – Anno2009/2010
Confronto A. Plana - Dicembre 2012 - Febbraio 2014
Confronto A. Plana – Dicembre 2012 – Febbraio 2014

Illuminazione led – Fatta questa  premessa quasi seria ne segue una seconda completamente seria (forse): parlare di led  è difficile perchè tra una plafoniera e l’altra può cambiare tutto e ancor più quando parliamo di led appartenenti ad una plafoniera autocostruita. Spesso sento dire “l’ illuminazione led non funzionano” o “non sono come i T5”, invece andrebbe detto “quella plafoniera a led non funziona”, che è cosa ben diversa. Tra una plafoniera e l’altra può cambiare la tipologia di led, il loro numero a parità di copertura, possono avere lenti, possono non averne, possono avere riflettori e così via. Tornando poi al discorso par, lux e lunghezze d’onda oggi noto tanto chiacchierare su questi dati: sembra quasi che per valutare una plafo debba essere necessario un misuratore dei par. Personalmente, per affermare se funzioni o meno una plafoniera, la monto sull’acquario e la provo almeno per un anno: solo così riuscirò a capire realmente se funziona  senza  interessarmi minimamente di tutti quei dati tecnici che, torno a ripetere, non ho nemmeno un’idea precisa di cosa siano. Ora, non credo che conoscere questi dati sia addirittura inutile (per cui ben vengano test in questo senso) ma non lo reputo fondamentale. Sia chiaro che non voglio farmi portavoce di nessuna verità assoluta, ma quello che ho scritto e continuerò a scrivere saranno solo mie impressioni ed esperienze sull’utilizzo nel tempo delle plafoniere a led e come tali consideratele.

Vasca illuminata a led - Anno 2011/2012
Vasca illuminata a led – Anno 2011/2012
Confronto A. Hyacinthus - Febbraio 2013 - Aprile 2014
Confronto A. Hyacinthus – Febbraio 2013 – Aprile 2014

Illuminazione led – Ultima premessa: tutte le mie considerazioni sono fatte per la gestione di vasche dedicate principalmente all’allevamento di coralli duri SPS e LPS e quindi vasche esigenti in fatto di luce e chimica dell’acqua.  L’articolo è quindi rivolto principalmente agli acquariofili desiderosi di provare per la prima volta questa tecnologia.

Da fine del 2009 ad oggi ho avuto tre modelli di plafoniere a led montate su due vasche differenti.  Non starò qui  ad elencare i modelli e le caratteristiche di ogni plafoniera perchè non è questo l’obiettivo dell’articolo, ma farò una serie di considerazioni e riflessioni sulla gestione di vasche SPS illuminate a led, prendendo in considerazione le esperienze positive ottenute con due delle tre plafoniere citate prima.

Iniziamo: ritengo che portare avanti una vasca con illuminazione led sia leggermente più complicato che farlo con un’illuminazione T5 o HQI perchè con i led la vasca può avere delle variazioni più veloci e bisogna avere un certo occhio per leggerle in tempo. Di conseguenza dovrei dire ai neofiti di iniziare con illuminazione T5 o HQI perchè più facili da gestire, ma non è così: ai neofiti  sconsiglio di iniziare allevando animali delicati come SPS ma di cominciare con animali molto più semplici come i molli montando l’illuminazione led che preferiscono tra led, HQI e T5. Fatta un pò di esperienza e di conseguenza anche un pò d’occhio si può iniziare a provare ad inserire qualche corallo duro di facile allevamento. Ad oggi ritengo i led ancora un gradino sotto i T5, non per una questione prettamente di colorazione degli SPS, ma più per uno stato di benessere degli animali sicuramente superiore in vasche con T5.

Vasca illuminata a led - Anno 2013/2014
Vasca illuminata a led – Anno 2013/2014
Confronto A. Tortuosa - Novembre 2013 - Gennaio 2014
Confronto A. Tortuosa – Novembre 2013 – Gennaio 2014

Illuminazione led – Come scegliere la plafoniera giusta? Si deve partire dal presupposto che quella dei led ad oggi è una tecnologia che costa parecchio specialmente nel nostro hobby, per cui se siete orientati nel fare una spesa minima vi consiglio di andare direttamente su altre illuminazioni. Le plafoniere che io ritengo migliori sono tra le più costose e forse non è un caso. La maggior parte delle plafoniere in vendita non sono propriamente adatte ad allevare coralli SPS esigenti ma sono più indicate all’allevamento di molli e LPS. Una cosa da tenere fortemente in considerazione nella scelta è capire se effettivamente abbiamo un abbattimento del consumo della corrente elettrica rispetto ad un’altra tipologia di illuminazione. L’abbattimento della corrente dovrebbe essere almeno del 30% specialmente a fronte di una determinate spesa per l’acquisto della plafoniera. Montare led per avere consumi prossimi a quelli dei T5/HQI per me non ha senso. Per esempio io sulla vasca attuale (125x80x65) ho un consumo con i led di 220/240watt: se avessi voluto montare i T5 avrei dovuto mettere almeno 10 T5 da 54 watt per un consumo di 540 watt. Come si vede ho un abbattimento di oltre il 50% del consumo di corrente elettrica. Non vado oltre sull’argomento del risparmio elettrico e mi limito ai consumi delle sole plafoniere perchè dovremmo considerare tanti altri fattori quali riscaldatore, refrigeratore, isolamento del supporto vasca, sostituzione lampade/tubi, isolamento dell’appartamento e quant’altro rendendo il calcolo troppo soggettivo (queste alla fine sono considerazioni che dovete fare voi). Un consiglio che posso darvi per tenere sotto controllo i consumi di corrente elettrica è quella di impostare la temperatura del termoriacaldatore a 20/21 °c, anche perchè in natura nei periodi più freddi la temperatura dei reef arriva anche a 18° C. Nella scelta della plafoniera a led basatevi anche sulle esperienze di altri acquariofili, andate a vedere vasche con montate  plafoniere che possono interessarvi, andate su prodotti già testati.

Controller
Controller
Riflettore per singolo led
Riflettore per singolo led – illuminazione led

Illuminazione led – Un’altro elemento che viene considerato nella scelta di una plafoniera con illuminazione led è quella della presenza di un controller per modificare a proprio piacimento la potenza dei vari canali (led bianchi, led blu, led UV, etc) : in realtà,secondo la mia opinione, la sua presenza non è necessaria in modo particolare se la plafoniera deve essere utilizzata da un utente alle prime armi. Un utente inesperto in automatico modificherà continuamente la potenza dei vari canali cercando quella combinazione idealmente perfetta e raggiungendo invece solo l’obiettivo di stressare la vasca. Meglio una plafoniera che non permette modifiche in questo senso o le riduce al minimo perchè eviterebbe queste continue variazioni.

Meglio una plafoniera solo con led bianchi e blu o meglio una con led bianchi, blu, UV, verdi, rossi, etc (dette multicolor)?  Faccio una semplice considerazione: le vasche che ho visto dal vivo o in foto (meno giudicabili) con SPS “seri” (passatemi il termine) avevano plafoniere con led bianchi e blu; vasche viste dal vivo e in foto con LPS con colori “americani” (passatemi anche questo) avevano montate plafoniere multicolor.  Penso di avere espresso il mio pensiero abbastanza chiaramente.

Heliofungia Actiniformis illuminata con Led
Heliofungia Actiniformis illuminata con Led
Acropora Prostrata illuminata con led
Acropora Prostrata illuminata con led

Illuminazione led – Molto spesso sento dire o leggo che per gestire vasche con i led bisogna alimentare molto o cose simili perchè i led ossidano di più: niente di più falso almeno in parte. Mi spiego meglio: non possiamo generalizzare quando parliamo di vasche marine a prescindere se gestita con led o altra illuminazione. Ogni vasca è un mondo a sé. E’ troppo facile limitarsi a dire di alimentare di più di meno per gestire la vasca perchè purtroppo la cosa è molto più complicata.   Potrebbe arrivare il momento in cui sarete costretti ad alimentare di più, ad integrare più oligo, ad abbassare il kh, ad alzare le plafo e altri accorgimenti di questo tipo, ma è necessario prima portare la vasca in determinate condizioni. Se avete la vasca grassa con No3 e P04 alti e andate ad alimentare solo perchè avete montato i led avrete nei casi migliori solo degli SPS color cioccolata e nei casi peggiori la morte di qualche animale. Pertanto bisogna imparare a leggere bene la vasca, specialmente se si usano i led, perchè gli animali con i led hanno delle reazioni più veloci in bene e in male. Bisogna capire quando non alimentare e non integrare nulla(vasca grassa, animali scuri che a volte non crescono nemmeno, etc); quando iniziare ad alimentare e integrare oligoelementi (animali con buon spolipamento, colori chari, valori prossimi allo zero, etc); quando aumentare notevolmente oligo e alimenti ed eventualmente prendere qualche altra precauzione tipo alzare la plafoniera o abbassare il kh (valori a zero, vasca magra, alcuni animali spolipano molto altri invece spolipano di meno, eventuali tiraggi dal basso, etc). Diverso è dire “con i led la vasca potrebbe smagrire più velocemente”: il concetto è molto differente. Sicuramente il tutto è molto più complicato: sopra ho infatti generalizzato e ipotizzato  quello che potrebbe avvenire in vasca, non è così riduttivo come l’ho descritto. Il mio intento è solo quello di far capire quanto sia importante imparare a leggere la vasca e modificare la gestione di conseguenza.

Acropora Tenuis illuminata con led
Acropora Tenuis illuminata con led
Acropora Millepora illuminata led
Acropora Millepora illuminata led

Illuminazione led – Le reazioni degli SPS sotto illuminazione led varia a seconda del tipo di led montato nella plafoniera, per cui è difficile fare considerazioni di questo tipo. In linea di massima ho notato che ci sono led che gli SPS accettano subito, led con cui gli animali devono avere il tempo di adattarsi e led che addirittura gli SPS soffrono rendendo la vasca di difficile gestione.  Ho avuto modo di gestire le vasche con tutte e tre queste tipologie di led. Nel primo caso non ho riscontrato nessun problema negli animali anche posizionando la plafoniera a 2/3 cm dal pelo dell’acqua, non ho riscontrato l’obbligo di effettuare adattamenti nell’inserimento di un nuovo animale.   Nel secondo caso ho notato che l’altezza minima della plafoniera dal pelo dell’acqua è intorno a 15 cm, che i nuovi inserimenti andrebbero adattati facendo dei passaggi graduali dal fondo vasca al punto voluto sulla rocciata. Inoltre se la plafoniera viene montata in sostituzione di altra tipologia di illuminazione bisogna avere la pazienza di impostare la potenza dei led in percentuali basse (se la potenza non è regolabile giocare con l’altezza dal pelo dell’acqua) per poi aumentarle lentamente ogni 7 giorni o al massimo ogni 3 giorni. Montare direttamente la plafo alla potenza massima voluta potrebbe portare anche alla perdita di alcuni animali che non hanno avuto il tempo di adattarsi alla nuova illuminazione led. Nel terzo caso avete una plafoniera rognosa che molti o alcuni (dipende dai casi) SPS non gradiscono come illuminazione o meglio la soffrono. In questo caso la plafoniera va tenuta anche oltre i 40 cm dal pelo dell’acqua e nei casi un pò più complicati conviene dare prevalenza come potenza ai led blu e diminuire quella dei bianchi. Potreste avere anche un redox molto alto e in questo caso sarebbe preferibile aumentare il carico organico aggiungendo un pò di pesci. Qui l’inserimento degli animali va obbligatoriamente fatto con un adattamento e in caso di cambio di illuminazione led è necessario procedere con calma partendo con una potenza dei led bassa o con plafoniera molta alta per poi lentamente aumentare la potenza o ridurre l’altezza della plafoniera. In tutti i casi in cui notate segni di sofferenza negli animali consiglio di procedere con cambi di acqua importanti  non fatti in un unica volta ma non oltre il 5% del volume dell’acquario ripetuti un giorno si e uno no finchè non vedete segni di ripresa, anche se alla lunga arrivate a sostituire il 50% di acqua.

LPS illuminati con led
LPS illuminati con led
Acropora Tenuis illuminata led
Acropora Tenuis illuminata led

Illuminazione led – Infine tenete presente che la vasca non funziona bene perchè sopra ci sono montati i led o i T5, ma i buoni risultati sono dati da tutta una serie di fattori uno imprescindibile dall’altro quali luce, schiumazione, movimento, metodo di gestione, integrazioni, manico, etc . La mancanza di uno solo di questi elementi pregiudica completamente il risultato finale. Questo per dire che se montate uno skimmer da 4 soldi o sottodimensionato non otterrete mai determinati risultati in termini di colori degli SPS, se non avete manico a sufficienza e i colori strabilianti che vi eravate promessi di ottenere non arrivano non dite che è colpa dei led.

Confronto A. Sarmentosa - Gennaio 2013 - Dicembre 2013
Confronto A. Sarmentosa – Gennaio 2013 – Dicembre 2013 – illuminazione a led

 

Autore Max

Check Also

Traduzione Italiano Guida al Metodo Balling Light

Traduzione in Italiano – Guida al Metodo Balling Light della Fauna Marin (Traduzione di Loredana …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *